Che coppia! Giannecchini e Coach Zaina

Francesco Giannecchini entra a far parte della famiglia Rolling Dreamers nel 2017, quando affronta il suo primo Triathlon su distanza Olimpica a Sirmione. È l’inizio di un percorso condiviso con Coach Zaina e basato su obiettivi comuni: inseguire la passione per lo sport mettendoci corpo, testa e cuore, con la volontà di arricchirsi come persone. Questa sinergia porta a grandi risultati e il 2018 per Francesco è un anno di scoperte e crescita. La partecipazione al 70.3 di Pula frutta la qualifica alla finale mondiale in Sudafrica, che Francesco chiude con un’ottima prova fermando il cronometro a 4h:28’ che gli vale la 52° posizione di categoria.

A Novembre termina la stagione sportiva alla maratona di Firenze, dove batte il suo record personale chiudendo i 42,195 km in 2h:48’ ed illuminando la cupa giornata fiorentina con una prestazione esemplare: sintesi perfetta di passione, sacrificio, forza di volontà e grande tenacia nel gestire la fatica mentale e fisica accumulate in un anno molto denso.

Forza Francesco!

La sfida continua: in cammino verso l’Ironman

L’Ironman a Klagenfurt il prossimo Luglio è l’obiettivo primario di Francesco e Coach Zaina per questo 2019. Un’avventura oltralpe i cui esiti saranno fondamentali per capire i prossimi passi, con la speranza condivisa da atleta e preparatore di trovarsi a preparare la prossima avventura prenotando un volo verso le Hawaii.

Sognare è doveroso per un Rolling Dreamers, ma tornare alla realtà non è così male considerato lo scoppiettante inizio di stagione! Il duro lavoro invernale, iniziato con Coach Zaina in una settimana di intensi allenamenti a Lanzarote, ha dato i suoi frutti e Francesco ha chiuso lo scorso 28 aprile l’Iron lake 70.3 in terza posizione assoluta. L’ultima tappa di avvicinamento è stato l’Ironman 70.3 a Barcellona, poi non resta che concentrarsi sul traguardo finale. Forza Francesco!

A good coach allows people to blossom. I've seen that.

- Dominique Moceanu